Baritono

Artur

Ruciński

Biografia

Il baritono verdiano e belcantista Artur Ruciński è uno dei cantanti più completi e richiesti del momento, che affascina il pubblico di tutto il mondo con la sua tecnica magistrale, il suo timbro ipnotico e la sua resistenza.

Nato a Varsavia, ha studiato all'Accademia di Musica e ha iniziato a costruire il suo repertorio nelle esibizioni con la Warsaw Chamber Opera e al Teatr Wielki - Polish National Opera di Varsavia, dove ha debuttato nel 2002 cantando il ruolo del titolo in Eugene Onegin, di cui il Polish Music Journal ha riportato: "... il bel canto e la qualità lirica di Artur Ruciński sono stati il punto culminante della serata". Presto seguirono inviti a cantare con Valery Gerghiev Prinz Jelecky in The Queen of Spades, il ruolo principale in Onegin e Valentin in una nuova produzione di Robert Wilson di Faust.

Tuttavia, il punto di svolta della sua carriera è arrivato quando il M° Daniel Barenboim lo ha sentito e lo ha invitato sul posto a cantare Eugene Onegin sotto la sua direzione e al fianco di Rolando Villazon alla Deutsche Staatsoper di Berlino nel marzo/aprile 2010.

Gli anni che seguirono portarono esibizioni in molti dei più importanti teatri d'opera e sale da concerto del mondo. Il defunto giornalista musicale Karl Löbl ha scritto dei suoi Carmina Burana: "Scoperta baritonale al Musikverein di Vienna - prendete nota del nome Artur Ruciński e andate ad ogni opera in cui potete sentire questo cantante...".

È apparso al Festival di Bregenz (Tadeusz in The Passenger di Weinberg), Teatro Liceu di Barcellona (Krol Roger), Hamburg State Oper (Lord Ashton in Lucia di Lammermoor), Valencia (Lescaut in Manon con Lorin Maazel alla direzione e Eugene Onegin, diretto dal Maestro Wellber e registrato su DVD). È tornato a Berlino per cantare di nuovo sotto il M° Barenboim, questa volta Conte Almaviva in Le Nozze di Figaro. Nell'estate 2011, Artur Ruciński ha debuttato all'Arena di Verona con Roméo et Juliette (Mercutio) con grande successo di stampa e pubblico. Ha poi cantato I Masnadieri (Francesco di Moor), Messa di Gloria e Kindertotenlieder a Napoli con la direzione del M° Luisotti.

Nel gennaio 2012 ha debuttato nel Regno Unito, con un recital solistico Rosenblatt di arie d'opera e i Quattro sonetti d'amore di Tadeusz Baird, ambientazioni di traduzioni polacche da Shakespeare, al St. John's Smith Square di Londra. Nel maggio 2012 ha fatto il suo debutto americano come Marcello ne La Bohème con la Los Angeles Opera, e nel 2013 ha debuttato all'Opéra Bastille di Parigi come Ford in Falstaff, ed è tornato all'Arena di Verona dove ha cantato Il Trovatore (Conte di Luna) e La Traviata (Germont Padre).

I punti salienti della sua carriera includono I Masnadieri al Teatro La Fenice di Venezia e al Festival Verdi di Parma, Il Trovatore al Vienna Festwochen, e nel gennaio 2014 la sua prima collaborazione con il M° Kirill Petrenko alla Munich State Opera (Eugene Onegin), seguita da una nuova produzione di Falstaff all'Opera di Frankfurt am Main diretta da Bertrand de Billy, Attila (Ezio) a Varsavia e Eugene Onegin a Bologna. Ha debuttato alla Royal Opera House di Londra come Giorgio Germont e al prestigioso Festival di Salisburgo come Conte di Luna, per poi cantare lo stesso ruolo a La Fenice di Venezia. Seguì un altro importante debutto: alla Scala con Simon Boccanegra (Paolo Albiani).

Negli anni seguenti, ha cantato La Traviata alla Deutsche Oper di Berlino, Eugene Onegin a Varsavia, Don Pasquale a Valencia, Lucia di Lammermoor ad Amburgo e Zurigo, Il Trovatore al Festival di Salisburgo, La Traviata e Il Trovatore all'Arena di Verona, così come il popolare concerto "Natale a Vienna" alla Konzerthaus di Vienna e lo Stabat Mater di Szymanowski con la RSO diretta da Ingo Metzmacher al Wiener Muzikverein. Inoltre, ha debuttato il ruolo del titolo in Don Giovanni all'Opéra Bastille di Parigi, dove successivamente ha cantato anche Lucia di Lammermoor. Ha fatto la sua prima apparizione al Metropolitan di New York in Madama Butterfly (Sharpless) e al New National Theatre di Tokyo come Lord Ashton in Lucia di Lammermoor, ed è tornato alla Royal Opera House di Londra come Eugene Onegin, Lord Ashton e Germont, così come al Liceu di Barcellona come Marcello e Conte di Luna.

Nelle ultime stagioni, ha debuttato alla San Francisco Opera (La Traviata), al Teatro dell'Opera di Roma (I Masnadieri), al Teatro Real de Madrid (Lucia di Lammermoor, Il Trovatore, La Traviata, Un Ballo in Maschera), alla Lyric Opera of Chicago (Il Trovatore), all'Opéra de Monte-Carlo (Luisa Miller, Lucia di Lammermoor). Inoltre, ha cantato La Bohème all'ABAO Olbe Bilbao e all'Opéra Bastille, dove ha anche debuttato come Gianni Schicchi, I Masnadieri al Palau de les Arts, La Traviata, Manon e La Bohème al Metropolitan Opera, Iolanta al Palais Garnier, Kindertotenlieder di Mahler con l'Orchestra Sinfonica Siciliana. Più recentemente, è apparso al Teatro Massimo ne Il trovatore, alla Suntory Hall di Tokyo ne La Traviata, all'Opéra de Monte-Carlo ne Il corsaro e al Metropolitan Opera ne La Bohème.

I progetti futuri includono il ritorno al Metropolitan Opera in Lucia di Lammermoor, La Traviata alla Hamburgische Staatsoper, Eugene Onegin al Teatro di San Carlo, La Bohème e Macbeth alla Bayerische Staatsoper, Un ballo in maschera con la Fundación Baluarte a Pamplona.

Artur Ruciński dedica parte della sua fitta agenda a concerti e apparizioni radiofoniche e televisive al Festival di Varsavia, a Parigi, Oslo, Dresda, Vienna, Berlino, per citarne alcuni, cantando il repertorio dal Messiah di Handel alla Lukas Passion di Penderecki, così come i Carmina Burana per l'Arena di Verona, lo Stabat Mater di Szymanowski con la Vienna Radio Symphony Orchestra e Ingo Metzmacher al Musikverein di Vienna, il Gala Richard Tucker del 2019 alla Carnegie Hall, il concerto commemorativo di Danzica con il War Requiem di Britten sotto la direzione di Neville Marriner ha ricevuto una vasta attenzione.

Numerosi CD e DVD documentano la versatilità di questo giovane artista eccezionale.

 

 

www.arturrucinski.com

www.gmartandmusic.com

 

Prossimi spettacoli

sabato

02luglio

Ore 21:00
Opera
Festival 2022

La Traviata

Emozione e scalpore: scopri lo spettacolo dell’Opera di Giuseppe Verdi nell’incantevole scenario dell’Arena di Verona.

Scopri
sabato

20agosto

Ore 20:45
Opera
Festival 2022

La Traviata

Emozione e scalpore: scopri lo spettacolo dell’Opera di Giuseppe Verdi nell’incantevole scenario dell’Arena di Verona.

Scopri

Opera

Ti potrebbe interessare

Partner

Major partner

Major partner Unicredit

Automotive partner

Automotive partner Volkswagen

Official sponsor

Official sponsor Calzedonia Official sponsor Giovanni Rana

Mobility partner

Mobility partner Bahn

Media partner

Media partner RTL