Arena di Verona

"Aida" apre il secondo fine settimana del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022

22 giugno 2022

Dopo il successo del fine settimana inaugurale, giovedì 23 giugno torna "Aida" di Verdi

#SHARE

Daniel Oren dirige Orchestra e Coro della Fondazione Arena e il cast della prima, cui si aggiunge il Radamès di Yusif Eyvazov. Con lui, Liudmyla Monastyrska nei panni della principessa etiope, Ekaterina Semenchuk, Ferruccio Furlanetto, Roman Burdenko, Sava Vemić, Carlo Bosi e Francesca Maionchi. Nell’allestimento dorato e sontuoso di Franco Zeffirelli con i costumi di Anna Anni, è impegnato anche il Ballo nelle coreografie di Vladimir Vasiliev.

Opera regina dell’Arena, Aida affascina il pubblico dell’Anfiteatro sin dalla prima rappresentazione del 1913: giovedì 23 giugno torna per la sua recita numero 730 da allora (contando anche le due memorabili esecuzioni in forma di concerto che hanno inaugurato lo scorso Festival), la seconda della Stagione 2022. L’allestimento ripropone l’Egitto aureo e i multicolori tessuti preziosi immaginati da Franco Zeffirelli per l’Arena di Verona esattamente vent’anni fa con i costumi di Anna Anni.

Per l’occasione, è confermato il cast della prima, fra stelle conclamate e giovani di talento.  Si cimenta nell’impegnativa parte della protagonista il soprano ucraino Liudmyla Monastyrska, che difende il suo amore per Radamès dalla gelosia della contendente principessa Amneris, interpretata dal mezzosoprano russo Ekaterina Semenchuk. Tornano anche il grande basso Ferruccio Furlanetto come Ramfis, il giovane Sava Vemić quale Re degli Egizi, il baritono Roman Burdenko come Amonasro, Re degli Etiopi e padre di Aida, Francesca Maionchi (Sacerdotessa) e Carlo Bosi (Messaggero). Al cast si aggiunge, per il proprio debutto stagionale, l’applaudito tenore azero Yusif Eyvazov nei panni del guerriero Radamès, combattuto fra il legame con la patria di cui guida l’esercito e l’amore per Aida, figlia del popolo nemico.

L’Orchestra della Fondazione Arena e il Coro preparato da Ulisse Trabacchin sono diretti da Daniel Oren. Oltre ai numerosi mimi e figuranti, il Ballo coordinato da Gaetano Petrosino è in scena con le coreografie originali di Vladimir Vasiliev, che vedono protagoniste le étoiles internazionali Ekaterina Oleynik e Fernando Montano, oltre ad Ana Sophia Scheller nel ruolo di Akmen, fatale spirito guida creato da Zeffirelli appositamente per questa produzione.

Solennità ed esotismo, trionfo e dramma dilaniante, toccante storia d’amore e gelosia, di vendetta e pentimento, messaggio di pace senza tempo: tutto ciò convive nella superba partitura di Verdi, che ricavò l’opera dal soggetto originale dell’egittologo Mariette, ed è realizzato con originalità nella visione di Franco Zeffirelli, che restituisce alla perfezione la doppia anima dell’opera più amata e rappresentata in Arena, in equilibrio fra intimismo e grandeur.

Repliche: 3, 8, 16, 24, 28 luglio (ore 21.00), 5, 21, 28 agosto e 4 settembre (ore 20.45).

 

ACQUISTA ORA

News

Ti potrebbe interessare

Partner

Major partner

Major partner Unicredit

Automotive partner

Automotive partner Volkswagen

Official sponsor

Official sponsor Calzedonia Official sponsor Giovanni Rana

Mobility partner

Mobility partner Bahn

Media partner

Media partner RTL