Basso

Ildar

Abdrazakov

Biografia

Ildar Abdrazakov si è saldamente affermato come uno dei bassi più ricercati dell'opera e uno degli artisti più celebrati e riconosciuti della sua generazione. Da quando ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano nel 2001 a 25 anni è diventato una colonna portante nelle principali case di fama mondiale, tra cui il Metropolitan Opera di New York, l'Opera National di Parigi, la Vienna State Opera e la Bavarian State Opera di Monaco. La sua voce potente ma raffinata, unita alla sua avvincente presenza scenica, hanno spinto i critici ad acclamarlo come

 

"Un basso sensazionale... che ha praticamente tutto: suono imponente, bel legato, finezza."

- The Independent

 

Essendo anche un attivo concertista, si è esibito ai BBC Proms di Londra e alla Carnegie Hall di New York, nonché con le principali orchestre internazionali, tra cui la Chicago Symphony Orchestra e la Filarmonica di Vienna.

 

Ildar Abdrazakov: carriera e ruoli

Ildar Abdrazakov dà il via alla stagione 21-22 nei panni di Don Basilio in una nuova produzione de Il Barbiere di Siviglia alla Vienna State Opera. Questo ruolo è anche un veicolo per il suo ritorno al Salzburg Festival più avanti nella stagione. Essendo un artista molto versatile, può essere ascoltato a Vienna anche nel ruolo del protagonista di Boris Godunov e come Selim (Il Turco in Italia), al fianco di Cecilia Bartoli. Il basso russo appare come Banco nella prestigiosa produzione di apertura della stagione di Macbeth al Teatro alla Scala, dove presenta anche il suo quarto recital da solista sul rinomato palcoscenico. Ildar Abdrazakov fa un notevole debutto nel ruolo di Scarpia (Tosca) al Teatro di San Carlo di Napoli e il suo debutto in casa come Gremin (Eugene Onegin) all'Opera Royal de Wallonie. Inoltre, torna al Teatro Bolshoi come Don Giovanni e all'Opera di Zurigo come Mustafa (L'Italiana in Algeri). Interpreta uno dei suoi ruoli distintivi, l'Attila di Verdi, nel concerto alla Royal Opera House Covent Garden di Londra e chiude la stagione partecipando al Gala "Domingo in Verdi Opera Night" a Verona.

I momenti salienti della stagione 20-21 includono una nuova produzione di Boris Godunov all'Opera de Monte-Carlo, il concerto di apertura della stagione televisiva mondiale al Teatro alla Scala, le prime apparizioni ai festival estivi di Choregies d'Orange e Sopot Classical Festival e il suo ritorno al Salzburg Festival con i concerti della Missa Solemnis di Beethoven e La Damnation de Faust di Berlioz. In programma spettacoli come Filippo II (Don Carlo) alla Staatsoper di Vienna, Deutsche Oper e Munich Gasteig, come Frère Laurent (Romeo et Juliette) e Don Basilio (Il Barbiere di Siviglia) al Metropolitan Opera, oltre a concerti del 13° di Shostakovich La sinfonia con la Boston Symphony Orchestra, i recital da solista all'Erkel Theatre e alla Pierre Boulez Saal e il Requiem di Verdi alla Berlin State Opera nel 2020/21 sono stati cancellati a causa della pandemia di Covid.

Ildar Abdrazakov è apparso praticamente in tutti i principali teatri d'opera negli Stati Uniti e in Europa, come il Teatro Real di Madrid, il Gran Teatro del Liceu di Barcellona, ​​l'Opera di San Francisco, la Washington National Opera e la Los Angeles Opera. Dal suo debutto in casa in Don Giovanni (2004) Ildar Abdrazakov è diventato un pilastro del Metropolitan Opera. È stato il protagonista del gala di apertura della stagione 2015-16 della compagnia nel ruolo del protagonista in una nuova produzione di Sir Richard Eyre de Le nozze di Figaro. In precedenza, ha cantato il ruolo del protagonista in una nuova messa in scena di Dmitry Tcherniakov del principe Igor di Borodin, una performance registrata in DVD e Blu-ray da Deutsche Grammophon. Altre produzioni importanti del Met includono il suo debutto nel ruolo di Enrico VIII al fianco di Anna Netrebko in Anna Bolena, Dosifey in Khovanshchina di Mussorgsky, Escamillo in due produzioni di Carmen, il ruolo del protagonista di Attila sotto la direzione di Riccardo Muti, il ruolo del protagonista in Le nozze di Figaro , Assur nella Semiramide di Rossini, Leoporello nel Don Giovanni e più recentemente Banquo nel Macbeth di Verdi e Mefistofele ne La damnation de Faust di Berlioz.

Ildar Abdrazakov è ospite frequente del Teatro alla Scala di Milano, dove si è unito a Riccardo Muti in concerto per la riapertura del teatro nel 2004-05 e ha cantato Moses in una produzione del Moïse et Pharaon di Rossini che è stata registrata e pubblicata su CD e DVD . Nella stagione 18-19, ha recitato nel ruolo di Attila di Verdi in una stagione di apertura di una nuova produzione televisiva a livello globale. Qui ha cantato anche in tre recital solistici e Don Ruy da Silva negli Ernani di Verdi. Le sue numerose e trionfanti esibizioni su uno dei più prestigiosi palcoscenici d'opera gli hanno portato il premio Franco Abbiati nella categoria “Miglior Cantante”.

Il basso ha debuttato al Festival di Salisburgo nel 2009 in una nuova produzione di Moïse et Pharaon di Rossini. Da allora è tornato regolarmente, cantando tra gli altri Méphistophélès in una nuova produzione di Faust, Mustafà insieme a Cecilia Bartoli nella nuova produzione del Festival de L'Italiana in Algeri di Rossini e interpretazioni della Messa da Requiem di Verdi sotto la direzione di Riccardo Muti.

La sua prima apparizione alla Royal Opera House di Londra nel 2009 è stata con il Requiem di Verdi in concerto con Antonio Pappano. Da allora vi è tornato per cantare Don Basilio ne Il Barbiere di Siviglia di Rossini e Filippo II nel Don Carlo di Verdi. Il ruolo del protagonista ne Le Nozze di Figaro lo ha condotto al debutto in casa di Abdrazakov nel 1998 al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo. Tra gli altri suoi ruoli distintivi ci sono sia il ruolo principale che Leporello nel Don Giovanni di Mozart, Méphistophélès nel Faust di Gounod e La damnation de Faust  di Berlioz, Oroveso nella Norma di Bellini; Selim ne Il Turco in Italia di Rossini e Assur nella sua Semiramide. Il basso russo è noto per ruoli verdiani tra cui Walter in Luisa Miller e il personaggio omonimo in Oberto e Attila, così come Banco in Macbeth e Filippo II in Don Carlo. La versione francese di questo ruolo ha portato Ildar Abdrazakov all'Opera Nazionale di Parigi nel 17-18, dove ha anche debuttato trionfalmente nel ruolo del protagonista di Boris Godunov di Mussorgsky, trasmesso in diretta nei cinema di tutto il mondo e ha cantato il principe Igor in una nuova produzione di Barrie Kosky.

Nel 2018-19, Ildar Abdrazakov ha debuttato come regista teatrale in una produzione di Attila per la Bashkir State Opera in cui ha anche interpretato il ruolo del protagonista.

 

Concerti

Ildar Abdrazakov ha tenuto recital in Russia, Italia, Giappone e Stati Uniti, e si è esibito con orchestre tra cui l'Orchestre Metropolitain, la Leipzig Gewandhaus Orchestra, la Deutsches Symphony Orchester, la Bavarian Radio Symphony, la Rotterdam Philharmonic, l'Orchestre National de France, l'Orchestra Filarmonica della Scala e l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. Tra i direttori con cui ha collaborato figurano Riccardo Muti, Valery Gergiev, Sir Antonio Pappano, James Levine, Yannick Nézet-Séguin, Gianandrea Noseda, Bertrand de Billy, Riccardo Frizza e Riccardo Chailly. A novembre e dicembre 2017 Ildar Abdrazakov ha girato l'Europa con Rolando Villazón. I concerti di Praga, Berlino, Baden-Baden, Stoccarda, Monaco, Parigi e Vienna sono confluiti nel repertorio del loro primo album congiunto “Duets”, con duetti di opere italiane e francesi. L'album è stato lanciato a settembre 2017 da Deutsche Grammophon.

 

Album

L'album di debutto da solista di Ildar Abdrazakov Power Players, una celebrazione dei grandi ruoli di basso russo, è stato pubblicato all'inizio del 2014 su Delos, ottenendo un grande successo di critica. La sua registrazione della Messa da Requiem di Verdi con Riccardo Muti e la Chicago Symphony Orchestra ha vinto un Grammy Award. Ha inoltre inciso arie inedite di Rossini con Riccardo Chailly e l'Orchestra Sinfonica di Milano, Giuseppe Verdi per Decca, e la Messa di Cherubini con Muti e il Bayerischer Rundfunk per EMI Classics. Per Chandos ha registrato la Suite on Verses of Michelangelo di Shostakovich e The Miserly Knight di Rachmaninoff, entrambi con Gianandrea Noseda e la BBC Philharmonic. All'inizio del 2017 Abdrazakov ha firmato un contratto in esclusiva con la Deutsche Grammophon. Il suo primo album da solista Verdi è stato pubblicato nell'estate 2019. Le uscite in DVD del basso includono Moïse et Pharaon della Scala, Oberto di Bilbao, Norma di Parma e Lucia di Lammermoor del Metropolitan Opera. In occasione del bicentenario verdiano, maggio 2013 ha visto la star di Abdrazakov girare nel ruolo del protagonista di Attila, immortalato nel primo DVD/Blu-ray dell'etichetta Mariinsky.

 

Biografia

Ildar Abdrazakov è nato a Ufa, l'odierna capitale della repubblica di Bashkiria in Russia. Entrambi i suoi genitori erano artisti: sua madre era una pittrice e il suo defunto padre un regista. All'età di quattro anni Abdrazakov ha iniziato a recitare nelle produzioni teatrali e cinematografiche di suo padre, e queste prime esperienze lo hanno ispirato a intraprendere una carriera artistica. Dopo essersi diplomato all'Ufa State Institute of Arts, è entrato a far parte del Bashkirian Opera and Ballet Theatre. Alla fine degli anni '90 ha vinto una serie di prestigiosi concorsi vocali: il Gran Premio di Mosca intitolato a Irina Arkhipova, il Concorso Vocale Internazionale Glinka, il Concorso Internazionale Rimsky-Korsakov e il Concorso Internazionale Obraztsova. La sua vittoria nel 2000 al Concorso televisivo internazionale Maria Callas di Parma lo ha portato alla ribalta internazionale e ha portato al suo debutto alla Scala l'anno successivo.

Abdrazakov ha una sua fondazione, creata per sostenere e promuovere giovani musicisti di talento. Dal 2018 organizza ogni anno festival in Russia, invitando rinomati cantanti a tenere concerti e masterclass. Dal 2014 Ildar Abdrazakov è anche Direttore Artistico dell'Accademia Internazionale di Musica Elena Obraztsova.

 

CSAM 2021

 

Opera

Ti potrebbe interessare

Partner

Major partner

Major partner Unicredit

Automotive partner

Automotive partner Volkswagen

Official sponsor

Official sponsor Calzedonia Official sponsor Giovanni Rana

Mobility partner

Mobility partner Bahn

Media partner

Media partner RTL