Bernard Arnaud

Director and Costume Designer

A sei anni Arnaud Bernard inizia lo studio del violino, che prosegue al Conservatorio di Strasburgo entrando nel 1986 nell’Orchestre Philharmonique de Strasbourg, esperienza intrapresa con l’intenzione precisa di prepararsi alla carriera di regista d’opera. 

 

Nel 1988 lascia il violino per partecipare come assistente ad alcune produzioni in Francia e Germania, e nel 1989 è assunto come direttore di palcoscenico e assistente alla regia presso il Théâtre du Capitole di Tolosa. 

 

In questa veste lavora anche – come assistente di Nicolas Joel – in numerosi teatri in Francia e all’estero, compresi palcoscenici prestigiosi quali il Covent Garden di Londra, il Metropolitan di New York, la Scala di Milano e il Teatro Colón di Buenos Aires. 

 

Nel 1995 firma la sua prima regia a Tolosa con Il Trovatore di Verdi e debutta, ventinovenne, negli Stati Uniti con Falstaff di Verdi a Charleston per il Festival dei Due Mondi di Spoleto. 

 

Nel 1996 è nominato regista associato e direttore di produzione al Théâtre du Capitole, ruolo che lascia nel 1998 per consacrarsi definitivamente alla regia in proprio.

 

Nel 1998 mette in scena Il Barbiere di Siviglia di Rossini al Théâtre du Capitole; nel 1999 Roméo et Juliette di Gounod all’Opera di Chicago; nel 2001 L’Elisir d’amore di Donizetti al Capitole; nel 2002 il Trittico di Puccini a Nantes e Les Huguenots di Meyerbeer al Festival di Martina Franca; nel 2003 Lakmé di Delibes al Teatro Massimo di Palermo, Roméo et Juliette a Tokyo, Werther di Massenet a Martina Franca, Die lustigen Weiber von Windsor di Nicolai a Nantes; nel 2004 Luisa Miller di Verdi in Olanda e Le Roi de Lahore di Massenet alla Fenice di Venezia; nel 2005 Rigoletto di Verdi a Losanna. 

 

Mette in scena: Luisa Miller alla Fenice; La Traviata di Verdi a Praga e Losanna; Falstaff per l’apertura di stagione del San Carlo di Napoli e a Buenos Aires, Bilbao, Losanna e Budapest; Rigoletto a Marsiglia e al San Carlo di Napoli; Cavalleria rusticana di Mascagni a San Gallo e ad Ancona; Carmen di Bizet a Helsinki, Losanna, Tokyo e San Pietroburgo; La Dama di picche di Čajkovskij a Tolosa; Thaïs di Massenet ad Atene; Il Trittico a Zagabria; La Juive di Halévy e La Bohème di Puccini a San Pietroburgo, San Paolo e Rio; Il Flauto magico di Mozart ad Atene; Roméo et Juliette a Losanna, Marsiglia, Bilbao, Liegi e Hong Kong; Tosca di Puccini a Caracalla per l’Opera di Roma; I Capuleti e i Montecchi di Bellini a Oslo, Venezia, in Oman, ad Atene e Oviedo; Manon di Massenet a Losanna. 

 

Tra i progetti più recenti: Manon a Monte-Carlo e Bilbao, Tosca a Praga, Carmen a Helsinki, I Vespri siciliani di Verdi con Valery Gergiev al Teatro Mariinskij, Simon Boccanegra di Verdi a Losanna, I Capuleti e i Montecchi a Lisbona.

 

Al Teatro Filarmonico di Verona debutta nel 2011 firmando la regia di Rigoletto, ripresa nel 2016 e per la Stagione Lirica 2022; nel 2013 cura la regia de I Capuleti e i Montecchi, allestimento riproposto nel 2017.

 

All’Arena di Verona debutta nel 2005 con la regia de La Bohème, ripresa nel 2007 e nel 2011; nel 2017 firma regia e costumi di Nabucco, allestimento in cartellone anche nel 2018 e al 99° Opera Festival 2022.

IMPORTANT! CHANGE OF PERFORMANCE TIME 7 JUNE 2024.

"La Grande Opera Italiana Patrimonio dell'Umanità" will start at 8:30pm instead of 9:10pm.

Access allowed before 8:10pm.

Chiudi

Soci Fondatori e Partner

Founding Members

Major Partner Arena di Verona Opera Festival