Moscovita di nascita e tedesca d’adozione, Lilya Zilberstein comincia lo studio del pianoforte a cinque anni con Ada Traub alla Scuola Gnessin di Mosca prima e all’Istituto Gnessin poi con Alexander Satz, fino al diploma nel 1988. 

 

Nel 1985 vince il Concorso Russo e il Concorso Pan-Sovietico di Riga e ottiene successo internazionale nel 1986 vincendo il Concorso Busoni di Bolzano. Le viene conferito nel 1998 a Siena il Premio Internazionale Accademia Musicale Chigiana e dal 2011 è titolare della classe di Pianoforte della prestigiosa Accademia senese e della cattedra di pianoforte alla MDW-Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna.

 

Invitata dai Filarmonici di Berlino e Claudio Abbado per la prima volta nel 1991, suonano insieme più volte e registrano i Concerti nn. 2 e 3 di Rachmaninov.

 

Suona con molte orchestre prestigiose, tra cui Chicago Symphony, Sinfonica Tchaikovsky di Mosca, London Symphony e Royal Philharmonic di Londra, Orchestra della Scala a Milano, Staatskapelle di Dresda, e tiene masterclass in tutto il mondo.

 

Lavora con importanti direttori, quali John Axelrod, Paavo Berglund, Semyon Bychkov, Gustavo Dudamel, Christoph Eschenbach, Vladimir Fedoseyev, Alun Francis, Leopold Hager, Dmitrij Kitajenko, James Levine, Wassili Sinajski, Michael Tilson Thomas, Jean-Pascal Tortellier, Marcello Viotti e Antoni Wit.

 

Tra le incisioni vanno menzionate il Concerto di Grieg con Järvi e la Gothenburg Symphony Orchestra, il Secondo e Terzo Concerto di Rachmaninov con Abbado e i Berliner Philharmoniker, l’opera omnia di Chopin, la Sonata di Brahms per due pianoforti con Martha Argerich e un cd Clementi, Musorgskij e Rachmaninov.

 

Ospite regolare di grandi festival internazionali, suona da sola, con orchestra o con il violinista Maxim Vengerov in tutto il mondo.

 

Nel 2009 festeggia i suoi primi venti anni di carriera con una lunga tournée europea in duo con Martha Argerich. La collaborazione con la famosa artista argentina continua tuttora ogni anno.

 

In Italia debutta con immediato grande successo al Maggio Musicale Fiorentino del 1988 e da allora tiene più di 250 concerti per tutte le più importanti istituzioni musicali. Nel 1999 debutta con l'Orchestra Filarmonica sotto la direzione di Semyon Bychkov al Teatro alla Scala, dove in seguito si esibisce più volte.

 

Debutta con Fondazione Arena al Teatro Filarmonico nel settimo appuntamento della Stagione Sinfonica 2024.

 

Biografia aggiornata a Marzo 2024

WICHTIG! ÄNDERUNG DER AUFFÜHRUNGSZEIT 7. JUNI 2024.

„La Grande Opera Italiana Patrimonio dell'Umanità“ beginnt um 20:30 Uhr statt um 21:10 Uhr.

Einlass ist vor 20.10 Uhr möglich.

Chiudi

Soci Fondatori e Partner

Gründungsmitglieder

Major Partner Arena di Verona Opera Festival