Gustav Mahler 

Compositore (1860-1911)

Gustav Mahler nacque a Kalischt, in Boemia il 7 luglio 1860. Suo padre era un modesto commerciante ebreo, colto e amante dell'arte. Gustav era il secondo di dodici figli, e dimostrò fin dalla tenera età di avere una grande predisposizione per la musica. Cominciò infatti a suonare il pianoforte all'età di sei anni e due anni dopo era già in grado di insegnare ad altri la pratica dello strumento. Mostrò già da bambino il suo grande interesse per il canto popolare che si ritrova in molte sue opere.

Nel 1875 si recò con il padre a Vienna e qui fu ammesso al conservatorio, dove seguì i corsi di perfezionamento al pianoforte di Julius Epstein, quelli di armonia di Robert Fuchs e quelli di composizione di Theodor Krenn. Alla fine del primo anno al conservatorio, il giovane Mahler ottenne il primo premio in pianoforte e composizione. Durante i suoi studi musicali, egli non trascurò neppure quelli letterari e nel 1878, anno in cui si diplomò al conservatorio con il massimo dei voti, si iscrisse all'università di Vienna dove frequentò i corsi di filosofia, storia e storia della musica. Seguì inoltre i corsi di armonia tenuti da Bruckner ed instaurò importanti contatti con musicisti come Adler, Rott, Löhr e Wolf, con i quali per un periodo condivise l'alloggio e l'unico pianoforte.

Le sue prime composizioni che risalgono al periodo 1876-1884 sono andate perdute o sono state distrutte dallo stesso compositore. La prima sua opera sinfonica pervenutaci fu iniziata da Mahler nel 1878: si tratta di Das klagende Lied.

Cominciò la carriera di direttore d'orchestra nel 1880, all'età di vent'anni, al teatro estivo di Hall, dove diresse operette e vaudeville. Dal 1881 al 1897 continuò la carriera di direttore in varie città europee con crescente successo: a Lubiana, a Kassel (qui fu direttore dell'Hoftheater per due anni), a Praga, a Lipsia, a Budapest (dove diresse il Teatro Reale dell'Opera dal 1888 al 1891), ad Amburgo (dove rimase dal 1891 al 1897) e a Berlino.

Nel 1897 fu nominato direttore del Teatro Imperiale dell'Opera di Vienna. Qui iniziò la riforma del teatro lirico che avrebbe influenzato i teatri di tutto il mondo. Il 9 marzo 1902 sposò Alma Schindler, un'avvenente allieva di Alexander von Zemlinsky, colta e vivace, che gli diede due figlie, Maria Anna (1902) - morta all'età di cinque anni - e Anna Justine (1904).

Il lavoro di Mahler all'Opera cominciava a dare i suoi frutti. Nei dieci anni della sua permanenza nel teatro viennese infatti, il repertorio dell'Opera cambiò notevolmente: Mahler vi promosse tutte le opere di Mozart e di Wagner e vi introdusse opere nuove di autori tra i quali Ciaikovski, Zemlinsky, R. Strauss, Bizet, Puccini e Leoncavallo. Nel teatro lirico Mahler impose un'accurata revisione delle partiture, promuovendone un'esecuzione fedele e integrale, aumentando inoltre le prove dell'orchestra e selezionando severamente i cantanti. S'interessò inoltre al palcoscenico e scelse come collaboratore Alfred Roller, il quale ricoprì il ruolo di regista e scenografo stabile dell'Opera. Mahler e Roller coniarono il cosiddetto "teatro simultaneo" che gettò le basi della moderna messa in scena e della regia nell'opera: eliminarono dalla scena il superfluo e ridussero gli elementi decorativi all'essenziale. Questi criteri rivoluzionari trovarono un'opposizione del pubblico che pur affievolendosi non cessò mai di farsi sentire. Le opere più importanti rappresentate con i nuovi criteri furono Tristano e Isotta (1903), Fidelio di Beethoven, Don Giovanni e Le nozze di Figaro di Mozart, L'oro del Reno, La Walkiria e Lohengrin di Wagner , Ifigenia e Aulide di Gluck e molte nuove opere come Corregidor di Hugo Wolf.

Nel 1907, dopo dieci anni di lavoro all'Opera di Vienna, esasperato per l'ostilità causata dalle innovazioni introdotte e dal lavoro severo imposto, Mahler decise di lasciare la città e addirittura il continente accettando un nuovo incarico negli Stati Uniti. Qui diresse opere di Mozart e di Wagner e, nell'inverno 1909-1910, ben 46 concerti con un'orchestra appositamente creata per lui dalla Philarmonic Society di New York. La sua salute, già minata dal mal di cuore lo costrinse ad interrompere la frenetica attività direttoriale e a tornare in Europa, a Vienna dove morì il 18 maggio del 1911.

Gustav Mahler ebbe una brillante carriera come direttore, ma non gli venne attribuita la giusta importanza come compositore. I contemporanei lo consideravano "inattuale" e il regime nazista bandì la sua opera come degenerata. La rivalutazione del Mahler compositore è avvenuta invece a partire dal secondo dopoguerra. Le sue sinfonie sono l'ultima grande voce della dinastia iniziata da Beethoven dove si verificò l'opposizione dialettica tra la soggettività dell'idea e l'oggettività della forma, fra il mondo interiore dell'artista e il linguaggio espressivo codificato da leggi tradizionali. Mahler fu il solo musicista tedesco di fine Ottocento che operò una decisiva rottura nel linguaggio musicale cristallizzato del passato.

Tra le sue opere ricordiamo le nove sinfonie (ne iniziò una decima ma non la completò) a cui si aggiungono numerosi Lieder per canto e pianoforte tra cui il famoso ciclo Des Knaben Wunderhorn (1888-1889), Das klagende Lied (1878-1899), Lied eines fahrenden Gesellen (1883-1885) Kindertotenlieder e Rückert-Lieder (1901-1905) e Das Lied von der Erde ( 1907-1908). La Prima Sinfonia, ispirata al romanzo Titan di Jean Paul fu composta tra il 1884 e il 1888. Seguirono poi la Seconda (1887-1894), la Terza (1893-1896) e la Quarta (1899-1890), nate nel segno spirituale del canto popolare magiaro e austriaco. Continuò componendo opere completamente strumentali, : la Quinta Sinfonia (1901-1902), la Sesta detta "Tragica" (1903-1905)e la Settima (1904-1905). L'Ottava è detta anche Goethe-Symphonie poiché composta da due grandi affreschi sinfonico-corali, il secondo dei quali illustra la scena finale del Faust. La Nona Sinfonia è infine interamente strumentale.

 
 
 
In scena
Terzo Concerto RistoriDomenica 23 Novembre
alle ore 17:00
in Teatro Ristori
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona