Fryderyk Chopin 

Compositore (1810 - 1849)

Fryderyk Chopin nacque a Zelazowa Wola, vicino Varsavia (Polonia) il primo marzo del 1810. Il padre Nicolas Chopin era francese e lasciò la Francia nel 1787, quando aveva soltanto 16 anni, per andare in cerca di fortuna in Polonia, apparentemente tagliando tutti i ponti con il passato. In Polonia si identificò completamente con il suo nuovo paese, aveva una buona padronanza della lingua polacca e manifestò un patriottismo che ebbe un'influenza determinante sulla vita dei suoi figli, in particolare su quella di Fryderyk. Dava lezioni di francese e in un'occasione conobbe Tekla Justyna Krzyzanowska, una parente povera, ma molto colta della famiglia Skarbek per la quale lui lavorava: si sposarono nel 1806 ed ebbero quattro figli, tre femmine e Fryderyk. La famiglia intera si trasferì a Varsavia e Nicolas iniziò a insegnare lingua e letteratura francese nel nuovo liceo della città. Vivevano in una casa molto grande e di conseguenza decisero di affittare alcune camere per guadagnare un po' più di soldi.

Fryderyk ricevette una buona educazione sia a casa sia al liceo: i suoi genitori si preoccuparono sempre che nulla potesse interferire con i suoi studi. Era un bambino molto intelligente e precoce: già in tenera età le sue abilità musicali furono molto evidenti e a soli sei anni scriveva poesie. Wojciech Zywny, che era violinista, pianista e compositore, gli insegnò a suonare il pianoforte, ma Fryderyk era così portato per questo strumento musicale che le lezioni di Zywny si rivelarono superflue e il ragazzo diventò un autodidatta. Ciò contribuì a rendere la sua musica così poco rispettosa dei tradizionali canoni di composizione. Durante questo periodo con Zywny Chopin scrisse una serie di brani musicali che comunque non sono stati dimenticati, tra i quali ricordiamo un buon numero di polacche (per esempio una in Sol minore, pubblicata nel 1817).

Nel 1818 Fryderyk fece per la prima volta la sua apparizione pubblica suonando un concerto di Gyrowetz. Al liceo continuò gli studi musicali con Jozef Elsner, direttore del conservatorio di Varsavia. Nel 1825 venne poi pubblicato il suo Rondo in do minore Op.1. Dopo essersi diplomato diede due concerti di beneficenza per due orfani a Reinertz. Quando tornò a Varsavia diventò studente a tempo pieno al conservatorio, dove fece un corso completo di tre anni con Elsner. Studiò teoria, armonia e contrappunto.

Anche se Chopin cercò di scrivere composizioni per altri strumenti musicali, la sua vera passione era il pianoforte: la sua prima Sonata Op.4 fu composta nel 1827 con la supervisione di Elsner. Questo brano non è rappresentativo dei lavori che compose da solo, come per esempio uno dei suoi primi notturni, Notturno in mi minore, Op.72 no.1. Elsner riconobbe comunque in questo suo studente un grandissimo talento e per questo motivo cercò di non influenzare il suo modo di comporre. Dopo aver esaurito tutte le risorse che gli offriva la sua città, Chopin espresse il desiderio di viaggiare in modo da acquisire più esperienza. Quest'idea si rafforzò in lui quando incontrò Paganini a Varsavia e si rese conto di quante cose fossero fuori dalla sua portata. Nel 1828 si recò a Berlino dove ebbe l'opportunità di ascoltare musica che non avrebbe mai potuto sentire a Varsavia, come per esempio Ode per il giorno di S. Cecilia di Händel.

Nel 1829 il padre di Chopin presentò domanda al governo per ottenere una borsa di viaggio-studio per il figlio, ma la richiesta venne rifiutata. Anche se le nobili casate di Varsavia incoraggiavano l'artista ed erano molto interessate ai suoi lavori, nessuno era disposto ad aiutarlo economicamente. Per cercare di pubblicare alcune delle sue composizioni Chopin si recò quindi a Vienna, dove debuttò al Kärntnertor-Theater con le sue Variazioni Op.2 e il suo Concerto Rondo Krakowiak Op.14 riscuotendo un notevole successo. Eseguì inoltre una canzone popolare polacca di grande effetto e una settimana dopo diede un secondo concerto che si rivelò nuovamente un grande successo. In seguito partì per un lungo tour della Germani e dell'Italia.

La partenza di Chopin da Varsavia venne ripetutamente rinviata sia a causa di alcuni disordini politici, sia per il fatto che l'artista si era innamorato di una giovane cantante e studentessa, Konstancia Gladkowska. In questo periodo, particolarmente felice per lui, compose molti brani, tra i quali ricordiamo il movimento lento del Concerto in fa minore e il Valzer in re bemolle Op.70 no.3. Nel 1830 diede il suo primo concerto di una certa importanza al National Theatre, seguito da un altro alcuni giorni dopo. Il pubblico adorava i suoi ritmi patriottici e gli conferì importanti riconoscimenti: Chopin iniziava ad essere salutato come il compositore nazionale. Si esibì nel suo ultimo concerto l'11 ottobre dello stesso anno con il suo Concerto in mi minore. Partì poi per Vienna con il desiderio di rivivere il successo che aveva riscosso per i suoi primi concerti. Ciò in realtà non accadde, ma almeno ebbe l'opportunità di ampliare le sue esperienze musicali, in particolare nell'ambito dell'opera e della musica da camera. In questo periodo compose la Grande Polocca in mi bemolle e le famose Mazurche Op.6 e Op.7. Scrisse anche canzoni e valzer (tra le quali ricordiamo il celebre Op.18 in mi bemolle); la Ballata in sol minore e lo Scherzo in si minore vennero abbozzate e poi completate quando si trasferì a Parigi. Alcuni disordini politici lo costrinsero ad annullare il suo viaggio in Italia e partì quindi per Parigi, dove arrivò nel settembre del 1831.

Anche se in un primo momento il compositore si era sentito leggermente a disagio nella capitale frncese, ben presto riuscì a sistemarsi e poco dopo espresse l'intenzione di crearsi un nuovo mondo. Questa sua intenzione venne concretizzata nella creazione della sua musica poetica, provocatoria ed eroica. Schumann descrisse la musica di Chopin come "un cannone sepolto nei fiori". Persino il suo linguaggio armonico è completamente originale perché le sue melodie sono mescolate alla musica popolare. A quel tempo Parigi era il cuore artistico e musicale, nonché il più importante centro di cultura di tutta l'Europa e molti grandi artisti vi si stabilirono, per esempio Balzac, Delacroix, Liszt, Rossini e Berlioz. Quando nel 1832 Chopin debuttò qui con un'esibizione solistica, tutta la città parlava di questo grande evento. A Parigi alcuni suoi amici polacchi presentarono Chopin all'influente famiglia dei Rothschild e subito ebbe la possibilità di fondare un centro di insegnamento che gli permise di fare una vita dignitosa, seppur molto breve. Le sue esibizioni pubbliche divennero molto rare poiché aveva scoperto che poteva ottenere fama e denaro anche senza: durante tutta la sua carriera si esibì pubblicamente soltanto più o meno trenta volte.

Spinto da un sentimento di intimo cameratismo in un paese straniero, a Chopin venne cosa naturale avvicinarsi ai rifugiati polacchi che erano arrivati a Parigi dopo la disastrosa rivolta del 1830, diventò membro della Società Letteraria Polacca e restò in contatto con le tendenze artistiche e potiche della sua terra natia. Strinse amicizia con donne di mondo molto brillanti, tra le quali ricordiamo la Contessa Delfina Potocka, cantante, alla quale Chopin dedicò il Concerto in fa minore e il Valzer 'Minute'. Era piuttosto evidente che Chopin e la Contessa erano amanti e molto più tardi alcune delle lettere che le aveva scritto divennero di dominio pubblico e quindi oggetto di aspre discussioni.

L'intera produzione musicale di Chopin fu consacrata al suo strumento musicale preferito, il pianoforte. Le sue oltre 200 composizioni per pianoforte solo dimostrano tutte il suo stile melodico estremamente originale; includono due raccolte di studi, due sonate, quattro ballate, molti brani a cui Chopin ha dato disparati titoli, come preludi, improvvisi o scherzi, e un grande numero di danze. Quest'ultime comprendono un gran numero di valzer, ma anche molte mazurche e sei polacche, entrambe delle quelle sono danze tipiche della sua nativa Polonia. Le sue mazurche riflettono i ritmi e le melodie della musica popolare polacca, e anche le sue polacche rievocano lo spirito eroico della Polonia occupata da paesi stranieri durante la sua vita. Per lo stesso Chopin rappresentavano l'espressione sincera di emozioni molto profonde. Alcune delle danze di Chopin sono annoverate tra i suoi lavori più famosi, ricordiamo tra le altre la suberba Polacca in la bemolle maggiore e l'ossessionante Valzer in do diesis minore. Alcune delle composizioni più belle di Chopin sono comprese in una serie di brevi brani riflessivi che lui chamò Notturni. Queste composizioni, come per esempio il Notturno in fa diesis, sono solitamente delicate e pervase da un'atmosfera trasognante con dei bassi dall'andatura oscillante e scorrevole: dimostrano in maniera magistrale la predilezione di Chopin per le melodie dolci e musicali, molto simili allo stile del bel canto dell'opera italiana di quel periodo.

Quando Chopin aveva 26 anni, Liszt gli presentò George Sand, una scrittrice famosa anche per il fatto che portava vestiti da uomo. Anche se inizialmente il compositore era più turbato che attratto dalla donna, tra loro nacque lentamente una relazione. Per circa dieci anni Chopin e George vissero una felice unione. Mentre erano assieme trascorsero l'estate del 1839 a Majorca, dove il sole avrebbe dovuto giovare alla salute del compositore e risanargli i deboli polmoni, ma in realtà la pioggia costante ebbe su di lui l'effetto contrario e le sue condizioni si aggravarono. Durante questo viaggio riuscì comunque a scrivere molti dei suoi 24 Preludi, Op.28. A Parigi Fryderyk e George vivevano in due case confinanti; solitamente trascorrevano l'estate nella casa della Sand a Nohant, dove Chopin, viziato dalla compagna, scrisse alcuni dei suoi capolavori. Si lasciarono nel 1847.

La rottura tra Chopin e George Sand segnò l'inizio dell'ultimo periodo della carriera del compositore. Le sue condizioni di salute iniziarono a peggiorare rapidamente e perse tutto il suo interesse per la composizione. Il 16 febbraio 1848 a Parigi Chopin si concesse nel suo ultimo concerto a un pubblico accuratamente selezionato: l'eccezionalità di questo evento venne acuita anche dall'atmosfera di angoscia che allora incombeva a causa dell'imminente rivoluzione che infatti scoppiò una settimana dopo. Questi eventi non solo misero fine all'attività di insegnante di Chopin, ma lo costrinsero anche ad accettare un vecchio invito in Inghilterra da parte di Jane Stirling, sua allieva nonché facoltosa signora scozzese. Arrivò in Inghilterra nell'aprile del 1848 e subito divenne molto popolare. Suonò in molti importanti teatri, tra i quali ricordiamo il Teatro Stafford, la dimora della Duchessa di Sutherland, dove la Regina Vittoria ascoltò una sua esecuzione. Dopo queste esibizioni private Chopin iniziò a dare concerti pubblici in diversi teatri. A questo punto si ammalò gravemente e correre da un posto all'altro per incontrare grandi celebrità del mondo artistico gli richiedeva enormi sforzi. Si recò in Scozia per prendersi una breve pausa dopo l'intensa stagione a Londra, ma per guadagnare un po' di soldi fu costretto a dare alcuni concerti in diverse città. Anche se era molto contento del luogo in cui si trovava e delle persone che lo ospitavano, ovvero Lord Torphichen, il cognato di Jane Stirling, non vedeva l'ora di tornare a Parigi. Fece la sua ultima apparizione pubblica a Londra in Novembre e la settimana dopo ritornò a Parigi, dove però non fu più in grado né di insegnare né di comporre. Fortunatamente la famiglia Stirling lo aiutò economicamente poiché non aveva nessun altro introito. Trascorse la sua ultima estate a Chaillot e in autunno si trasferì nella sua ultima abitazione in 12 place Vendôme, dove il 17 ottobre morì assistito dalla sorella e da alcuni suoi amici polacchi. Il suo funerale non venne celebrato fino al 30 ottobre a causa dei minuziosi preparativi per l'esecuzione del Requiem di Mozart al Madeleine in suo onore. Chopin venne sepolto nel cimitero Père-Lachaise a Parigi e nel 1850 in sua memoria venne inaugurato un monumento disegnato da Clésinger.

 
 
 
In scena
Primo Concerto FilarmonicoVenerdì 31 Ottobre
alle ore 20:30
in Teatro Filarmonico
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona