Leila Fteita 
 

Leila Fteita si diploma all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino; inizia l’attività di scenografa come assistente di Mauro Pagano al Festival di Salisburgo, a Colonia, Heidelberg, Schwetzingen, Amburgo, Francoforte, Pesaro.
Come scenografa collabora con registi di fama internazionale. Lavora con Giorgio Strehler, come assistente scenografa di Ezio Frigerio, sia per produzioni d’opera che di prosa.
Nel 1991 firma scene e costumi per Mrs. Klein di Nicholas Wright allestito da Asti Teatro e l’anno successivo esordisce alla Scala come scenografa con il balletto La Bottega fantastica. Nel 1996 è impegnata al Comunale di Firenze con Il Piccolo spazzacamino di Britten, regia di Marina Bianchi e, la stagione successiva, con il dittico composto da Das Berliner Requiem e Brundibar di Krása. Nel 1997 firma scene e costumi per le nuove produzioni di Cavalleria rusticana di Mascagni e di Blue Monday di Gershwin per il Goldoni di Livorno e le scenografie per Le stanze di Wolfang Amadé, produzione del Maggio Musicale Fiorentino. Nel 1998 crea le scene per il balletto Il Grande Gatsby per il Teatro alla Scala di Milano. Nel 2002 è impegnata con il nuovo allestimento del Teatro Nazionale di Osijek in Croazia della Sonnambula di Bellini, regia di Caterina Panti Liberovici, con la quale realizza anche Rigoletto di Verdi ad Atri; firma le scene di Mine Ha-Ha, spettacolo di prosa e danza al Piccolo Teatro di Milano.
Nel 2009 firma le scene e i costumi dell’Elisir d‘amore di Donizetti al Regio di Torino con la regia di Bianchi. Alla Scala di Milano, per la stagione 2009-2010, da un felice incontro con Antonio Albanese firma le scene delle Convenienze ed inconvenienze teatrali di Donizetti; per il Piccolo Teatro di Milano progetta lo spettacolo La Vera storia di Pinocchio, ideato da Flavio Albanese.
Per il Teatro di Trento crea le scene di Tosca di Puccini e per As.Li.Co di Don Giovanni di Mozart con la regia di Stefano De Luca.
Nel 2012 collabora con Hugo de Ana per la realizzazione di Un Ballo in maschera di Verdi per l’Opera di Pechino. Con la Scala partecipa all’allestimento di Der Ring des Nibelungen di Wagner in scena nel 2013. Insieme a Dante Ferretti, con cui collabora dal 1989, inizia un costante sodalizio professionale con Ferzan Ozpetec, realizzando le opere verdiane Aida per il Maggio Musicale Fiorentino e La Traviata per il San Carlo di Napoli.
È ospite di spicco (scenografa e costimista) del Maly Theatre di Mosca: crea le scene degli Innamorati di Goldoni, spettacolo di punta della scorsa stagione, in tournée a Milano al Teatro Strehler.
Tiene seminari sulla storia della scenografia all’Università Statale di Milano.

Con Fondazione Arena debutta nel 2013 al Teatro Ristori firmando scene e costumi di Dido and Æneas di Purcell; nel 2013 crea le scene di Don Pasquale di Donizetti, che inaugura la stagione d’Opera e Balletto 2013-2014 al Teatro Filarmonico di Verona.
Torna al Filarmonico per realizzare scene e costumi dello spettacolo El Amor Brujo/Cavalleria rusticana in scena per la stagione d’Opera e Balletto 2014-2015.


Marzo 2015

 
 
 
In scena
El amor brujo - Cavalleria RusticanaDomenica 8 Marzo
alle ore 15:30
in Teatro Filarmonico
Clicca qui 
 
 
^Top
Call Center
Seguici anche su
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner