Ethan Stiefel 
Ballerino 
Ethan Stiefel, nato in Pennsylvania, inizia a studiare danza presso il Marcia Weary's Central Pennsylvania Youth Ballet. A 16 anni viene ingaggiato dal New York City Ballet e successivamente dal Balletto di Zurigo dove debutta in una nuova versione dello Schiaccianoci e interpreta, nella stagione 1999/2000, Push Comes to Shove di Twyla Tharp. Dopo un anno passato in Svizzera Stiefel torna al New York City Ballet e amplia il suo repertorio con coreografie di Banchine tra cui I quattro temperamenti, Apollo, Sinfonia in tre movimenti, La valse, Lo schiaccianoci, Tarantella, Sogno di una notte di mezza estate, Cajkovskij pas de deux.

Interpreta inoltre le coreografie di Jerome Robbins tra cui Danze a una riunione, Le variazioni Goldberg, La gabbia e sempre al New York City Ballet si esibisce nelle più celebri coreografie di William Forsythe, Richard Tanner, Robert La Fosse.

Dal 1997 è ballerino principale dell'American Ballet Theatre e amplia il suo repertorio con Il Lago dei cigni, La Silfide, La Bella addormentata, Giselle, Romeo e Giulietta, Othello, Coppelia, Lo Schiaccianoci, Onegin, Cenerentola, Il Corsaro, La Bayadère, Don Quixote, oltre a coreografie di George Balanchine, Jerome Robbins, Twyla Tharp, Paul Taylor, Harald Lander, Eugene Loring, Antony Tudor, Mark Morris, Stanton Welch, Nacho Duato e Jiri Kylian.

Recentemente ha interpretato i ruoli principali in Known by heart di Twyla Tharp, In Volo di Jean-Christophe Maillot e Weren't We Fools? di Christian Holder.
Nel 2001 si è esibito in due coreografie di Frederik Ashton: La Fille mal gardée e The Dream.

Oggi Stiefel è considerato fra i più grandi interpreti - se non il più grande - della danza contemporanea.

Agosto 2003 
 
 
In scena
Secondo Concerto RistoriSabato 25 Ottobre
alle ore 20:30
in Teatro Ristori
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona