Madama Butterfly

Tragedia giapponese in 3 atti
di Giacomo Puccini
Condividi
+
recite concluse
img/icon_libretto.png

Libretto di

Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

img/icon_music.png

Musica di

Giacomo Puccini

img/icon_time.png

Durata

2.45 Ore circa - intervalli inclusi

img/icon_map.png

Arena di Verona

Questo spettacolo è stato proposto per il Festival 2017, le recite sono concluse. Vai alla pagina programma per scoprire cosa ti riserva il prossimo Festival!
 
 
 
Da sabato 8 luglio alle 21.00 torna sul palcoscenico dell’Arena di Verona Madama Butterfly per il Festival Lirico 2017
 
 
La tragedia giapponese in tre atti su musica di Giacomo Puccini e libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa è proposta nell’allestimento firmato per regia e scene da Franco Zeffirelli, impreziosito dai costumi del premio Oscar Emi Wada, con i movimenti coreografici di Maria Grazia Garofoli. Sul podio, per le sei rappresentazioni, Jader Bignamini.
 
Il secondo e il terzo atto andranno in scena senza intervalli nel mezzo.
 

Direttore d'Orchestra Jader Bignamini

Regia e scene Franco Zeffirelli

Costumi Emi Wada

Movimenti coreografici Maria Grazia Garofoli

Coordinatore del Corpo di Ballo Gaetano Petrosino

Direttore allestimenti scenici Giuseppe de Filippi Venezia

Maestro del Coro Vito Lombardi


Orchestra, Coro, Corpo di Ballo e Tecnici dell'Arena di Verona

I atto 50' – intervallo – II e III atto 1h e 30’

Atto I

Su una collina presso Nagasaki, Goro, un sensale di matrimonio, mostra al tenente della marina americana Pinkerton la casa da questi acquistata ("per 999 anni") per la sua convivenza con Cio-Cio-San, la giovane geisha che sposerà fra poco. Nozze combinate al prezzo di 100 yen e all'uso giapponese: e ciò pure per 999 anni, salvo possibilità di proscioglimento ogni mese. All'ufficiale, Goro presenta Suzuki, serva di Cio-Cio-San. Arriva Sharpless, console americano a Nagasaki, al quale Pinkerton confessa che egli ama godere i piaceri della vita senza preoccuparsi dei rischi e delle virtù altrui. Sharpless non condivide questi frivoli concetti e, pur brindando con l'amico, lo sconsiglia dal contrarre il matrimonio. In lontananza si odono le voci di Cio-Cio-San e delle sue compagne: la geisha che Pinkerton ha soprannominato "Butterfly" si presenta con un seguito di parenti e di amiche manifestando la sua felicità. Le nozze vengono celebrate da un commissario imperiale giapponese; i festeggiamenti, ad avvenuta cerimonia, sono però bruscamente interrotti dall'intervento di un vecchio zio bonzo il quale, rilevato che sposando un occidentale Cio-Cio-San ha rinnegato la religione degli avi, maledice la nipote. Il parentado sfolla impressionato dalle parole del bonzo che hanno fatto piangere la "piccola Butterfly". Ma Pinkerton, intenerito, la consola e con affettuose espressioni la invita a godersi il fascino della notte stellata che s'avvicina. Il toccante duetto d'amore conclude l'atto.

Atto II

Nella sua casa Butterfly ascolta le preghiere di Suzuki e, sempre fiduciosa nel ritorno di Pinkerton, lontano da tre anni, cerca di tranquillizzare la dubitante serva immaginando l'arrivo dell'amato ("Un bel dì vedremo..."). Alla presenza di Sharpless, Goro introduce il ricco principe Yamadori che da tempo la desidera in sposa. Ma lei rifiuta sdegnosamente e congeda il pretendente. Il Console è imbarazzato in quanto deve leggere a Cio-Cio-San una lettera nella quale Pinkerton annuncia le sue nuove nozze con una donna americana. La lettura della lettera viene spesso interrotta da Butterfly, sempre convinta del ritorno dello sposo. Sharpless, impietosito, non sa decidersi a dirle chiaramente la verità. Quando prova a farlo, lei gli mostra il figlioletto biondo avuto da Pinkerton, con il quale sarebbe costretta ad andare a mendicare per le strade se il marito non dovesse ritornare mai più. E al bimbo si rivolge con un tenero canto. Un colpo di cannone, l'annuncio dell'approdo di una nave, fa sussultare Butterfly che immediatamente guarda con un cannocchiale verso il mare: è la nave di Pinkerton! Cio-Cio-San adorna la casa di fiori e si prepara a vegliare, mentre inizia "l'interludio notturno".

Atto III

La notte è trascorsa in una vana attesa. L'alba sorge rosea. Suzuki convince Butterfly, affranta dalla stanchezza, ad andare a riposare con il bambino. Arriva Pinkerton, accompagnato dalla moglie Kate e da Sharpless, intenzionato a persuadere Cio-Cio-San ad affidargli il figlio. Ma quando apprende da Suzuki le sofferenze di Butterfly, il suo grande amore, la sua lunga fiduciosa attesa, manifesta il proprio rimorso ("Addio fiorito asil") e fugge. Cio-Cio-San rientra credendo di trovare lo sposo ma vede, invece, la donna americana e intuisce la verità. Comprende di essere stata abbandonata e che cosa si vuole da lei. Alla richiesta di Kate di affidare il bimbo alle sue cure, risponde che lo consegnerà al padre se verrà a prenderlo. Rimasta sola prende una spada, ne bacia la lama e si prepara al suicidio. Al figlioletto dedica un ultimo addio ("Tu piccolo Iddio"); quindi gli benda gli occhi e dietro un paravento si infligge il colpo mortale. Dall'esterno giunge l'angosciata voce di Pinkerton che chiama "Butterfly! Butterfly!". Quand'egli entra, con un ultimo gesto Cio-Cio-San gli indica il bambino e muore.

CIO-CIO-SAN
Oksana Dyka (8, 13, 22/7)
Sae-Kyung Rim (29/7)
Hui He (11, 19/8)

SUZUKI
Silvia Beltrami (8, 13, 22/7)
Anna Malavasi (29/7 – 11, 19/8)

KATE PINKERTON Alice Marini

F.B. PINKERTON
Marcello Giordani (8, 13, 22/7)
Gianluca Terranova (29/7 – 11, 19/8)

SHARPLESS
Alessandro Corbelli (8, 13/7)
Stefano Antonucci (22, 29/7 – 11/8)
Alberto Gazale (19/8)

GORO Francesco Pittari

IL PRINCIPE YAMADORI Nicolò Ceriani

LO ZIO BONZO Deyan Vatchkov

IL COMMISSARIO IMPERIALE Marco Camastra

L'UFFICIALE DEL REGISTRO Dario Giorgelè

LA MADRE DI CIO-CIO-SAN Tamta Tarieli

LA CUGINA DI CIO-CIO-SAN
Marina Ogii (8, 13, 22/7)
Elena Borin (29/7 – 11, 19/8)