6. Konzert Filarmonico Mozart, Beethoven

Konzert
Share
+
KEINE WEITERE WIEDERHOLUNGEN
img/icon_time.png

Dauer

2 Stunden ungefähr - Intervalle einsch.

img/icon_map.png

Teatro Filarmonico

  

Musikalische Leitung Ola Rudner
Pianist Leonora Armellini

Orchester der Arena di Verona

Wolfgang Amadeus Mozart
Don Giovanni, Ouverture

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto per pianoforte e orchestra n. 27 K. 595 in si bemolle maggiore

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 3 op. 55 in mi bemolle maggiore "Eroica"

Si racconta che l’Ouverture sia stata composta da Mozart in gran fretta, addirittura la notte prima della prova generale dello spettacolo; l’opera Don Giovanni invece, composta tra il marzo e l’ottobre del 1787, costituisce il secondo dei tre titoli italiani che il compositore ha scritto su libretto di Lorenzo Da Ponte. La caratteristica di Mozart di trascrivere sulla carta una composizione già perfettamente compiuta nella mente è confermata dalla quasi totale assenza di correzioni negli autografi. L’Ouverture si compone di due parti, un Andante con moto, ripetuto nella penultima scena dell’opera all’ingresso della statua del Commendatore nella casa di Don Giovanni, e un Allegro.

La pianista Leonora Armellini sarà quindi impegnata nell’esecuzione di un altro brano del compositore austriaco, il Concerto per pianoforte e orchestra n. 27 K. 595 in si bemolle maggiore. La data della composizione è riportata da Mozart nel catalogo manoscritto delle sue opere, dove è indicata la conclusione il 5 gennaio 1791, lo stesso anno in cui morirà. Si tratta dell’ultimo dei Concerti per pianoforte e orchestra composti da Mozart, che lo eseguì il 4 marzo 1791 in occasione di una delle sue ultime apparizioni pubbliche. Il carattere interiore dei motivi melodici, la complessa organizzazione dei temi e dei movimenti e l'uso di temi pastorali nel finale costituiscono elementi peculiari della partitura.

Il Concerto si conclude con la Sinfonia n. 3 op. 55 in mi bemolle maggiore di Beethoven, detta Eroica. La Sinfonia viene composta tra il 1802 e il 1804, eseguita privatamente per la prima volta il 3 gennaio 1805 e pubblicamente al Theater an der Wien il 7 aprile del 1805, diretta dallo stesso autore. Se lo spirito della rivoluzione francese e gli ideali repubblicani di eguaglianza, libertà, fraternità, sono assai presenti nella produzione musicale di Beethoven soprattutto attraverso connessioni con molteplici lavori letterari, questi fattori si manifestano apertamente in una chiara affermazione politica nella partitura dell’Eroica grazie al riferimento diretto a Napoleone Bonaparte. La composizione inizialmente viene dedicata proprio alla figura eroica di Napoleone, per poi essere cancellata in un impeto di sdegno, come si evince dal manoscritto, in seguito all’incoronazione di Napoleone ad imperatore. Il dedicatario definitivo sarà il Principe Joseph Franz Maximilian Lobkowitz, aristocratico e musicista che ospiterà nel suo palazzo la prima esecuzione. La Terza Sinfonia segna un’epoca non solo nella creatività beethoveniana, ma in tutta la storia della sinfonia e della musica strumentale.

locandina sesto concerto filarmonico 2017

SCHICHT A - Freitag 24/03/2017 um 20.00

SCHICHT B - Samstag 25/03/2017 um 17.00