Arena di Verona

Opere  

Tutte le produzioni rappresentate nel corso degli anni

 
 
 

Carmen

Il 3 marzo 1875 all'Opéra-Comique di Parigi andò in scena Carmen di George Bizet: un'opera che rompeva la tradizione del genere e che dovette misurarsi con un pubblico alquanto impreparato

Georges BizetIl 3 marzo 1875 all'Opéra-Comique di Parigi andò in scena Carmen: un'opera che rompeva la tradizione del genere e che dovette misurarsi con un pubblico alquanto impreparato. Infatti portava in scena un soggetto giudicato immorale, e una musica altrettanto controcorrente. La fredda reazione degli spettatori rappresentò una grande delusione per l'autore, quel Georges Bizet che in passato i più illustri musicisti francesi avevano apprezzato e lodato. L'insuccesso di quest'opera gli fu fatale, tanto da contribuire alla sua morte, avvenuta tre mesi esatti dopo la prima di Carmen.

Il soggetto era stato preso da una novella di Prosper Mérimée ed adattato per la scena dai librettisti Halévy e Meilhac. Era un'opera del genere comique, cioè con recitativi parlati alternati alle parti musicali.

La composizione vide Bizet impegnato con entusiasmo sin dal 1872, nonostante in quell'anno i suoi lavori intitolati L'Arlésienne e Djamileh fossero stati un clamoroso insuccesso. Scrisse la musica del primo atto tra quell'anno e l'estate dell'anno seguente.
Già in quel periodo cominciavano ad emergere le molte incomprensioni che Bizet avrebbe avuto con l'Opéra-Comique a causa di Carmen. Decise allora di accettare la proposta di scrivere la musica per il Don Rodrigue, da mettere in scena sempre nello stesso teatro. Purtroppo il 28 ottobre 1873 un incendio distrusse l'edificio e l'opera non fu rappresentata. Dopo questa fatica mal ripagata, il compositore scrisse un'Ouverture da concerto, Patrie, che fu accolta con favore.

Naturalmente questa serie di fatti ritardò la nascita di Carmen che giaceva ancora incompleta. Le prove erano già state fissate, ma dovettero essere rimandate dal dicembre 1873 all'agosto 1874, con la prima fissata per ottobre. Nel frattempo, il musicista fu colpito da un attacco d'angina che lo convinse a ritirarsi nella sua residenza di campagna a Bougival sulla Senna. Qui, nell'estate del 1874 terminò la stesura della sua opera più famosa e impiegò poi altri due mesi per orchestrarla. Di conseguenza la prima rappresentazione fu ulteriormente rimandata.

Carmen di Franco ZeffirelliUn fattore di ritardo fu inoltre la difficoltà di trovare una cantante disposta a vestire i panni della sensuale Carmen. Nel dicembre 1874 finalmente Célestine Galli Marié accettò il ruolo. Un ulteriore ostacolo fu l'ostilità di De Leuven, co-direttore dell'Opéra assieme a Du Locle. Mentre quest'ultimo era legato a Bizet anche da un rapporto di amicizia e cercava di favorirne il lavoro, il suo collaboratore trovava orribile la scelta del soggetto e non approvava assolutamente che andasse in scena all'Opéra-Comique, nota per la sua rispettabilità borghese.

Le prove durarono quasi cinque mesi. Furono estremamente impegnative per tutta una serie di impedimenti che Bizet si ritrovò ad affrontare. Il coro si lamentava per le difficoltà sceniche e vocali della sua parte; Du Locle e i librettisti tentarono di convincere l'autore a modificare alcune scene o addirittura ad effettuare dei tagli. Cercarono inoltre di limitare il realismo dell'esecuzione dei cantanti, poiché temevano che il pubblico ne sarebbe stato scioccato. Bizet non si fece influenzare dalle pressioni che volevano censurare il suo lavoro e apportò delle modifiche a Carmen unicamente secondo il proprio giudizio.

Arrivò il giorno della prima e il destino volle che quella mattina Bizet fosse nominato Cavaliere della Legion d'onore. La sera Carmen andò in scena con un esito disastroso. Pur guadagnando lentamente un maggior numero di spettatori nelle repliche successive, non ottenne i riconoscimenti attesi dal suo autore. Egli non avrebbe certo potuto immaginare che nell'autunno 1875, a Vienna, la sua opera sarebbe divenuta un successo mondiale. Per quell'edizione Ernest Giraud, da sempre amico di Bizet, compose la musica per i recitativi che nella versione originale erano parlati: Carmen divenne così un grand-opéra, e come tale viene applaudita oggi.

Visto il crescente entusiasmo per un'opera che solo qualche anno prima era stata ignorata perché ritenuta immorale, nel 1883 il capolavoro di Bizet tornò nel teatro dove era nata. Ormai la strada per la sua rivalutazione era spianata. Carmen si è conquistata il successo che a Bizet era stato negato, e oggi è applaudita nei maggiori teatri di tutto il mondo.

Indietro


 
In scena
Primo Concerto RistoriSabato 18 Ottobre
alle ore 20:30
in Teatro Ristori
Clicca qui 
 
 
^Top
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner