Antonio Abete 
BASSO 

Vincitore del Concorso As.Li.Co., ha iniziato la carriera debuttando nel ruolo di Lunardo in I Quatro Rusteghi di Wolf-Ferrari e ha in seguito cantato al Teatro Regio di Torino Bartolo in Le nozze di Figaro con Evelino Pidò, Masetto in Don Giovanni con Yoram David; a Barcellona Publio in La clemenza di Tito con Christopher Hogwood.

Collabora regolarmente con orchestre, teatri ed istituzioni musicali prestigiosi in tutto il mondo.
Ha un vasto repertorio concertistico, dal barocco fino alla musica moderna. Ha cantato tra l’altro il Messiah di Händel a Firenze, il Requiem di Mozart all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e ha preso parte inoltre al “Progetto Monteverdi” accompagnato da Maurizio Pollini a Salisburgo, New York, Tokyo e Roma.

Si dedica con assiduità al repertorio barocco e classico e tra le numerose produzioni cui ha preso parte figurano Il ritorno di Ulisse in patria alla Staatsoper di Monaco con Ivor Bolton; Seneca in L'Incoronazione di Poppea a Berlino, a Parigi e a Bruxelles con René Jacobs, con il quale ha cantato anche La Calisto di Cavalli a Salisburgo; Serse di Händel al Théâtre Champs-Elysées di Parigi con William Christie.

Tra gli impegni più recenti Aci, Galatea e Polifemo di Händel al Teatro Regio di Torino; Bartolo in Le nozze di Figaro all’Opera di Zurigo e Don Afonso in Così fan tutte a Cleveland con Franz Welser-Möst; Seneca in L'Incoronazione di Poppea con William Christie al Teatro Real di Madrid e alla Salle Pleyel di Parigi; Claudio in L’Agrippina di Händel con Fabio Biondi a Cracovia e al Festival Händel di Halle; Flavius Bertaridus di Telemann con Alessandro De Marchi al Festival di Innsbruck e alla Staatsoper di Amburgo.

Settembre 2011

 
 
 
In scena
Terzo Concerto RistoriSabato 22 Novembre
alle ore 20:30
in Teatro Ristori
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona