Armando Ariostini 
BARITONO 

Nato a Milano, ha iniziato gli studi con Lia Guardini, proseguendoli poi come “cadetto” alla “Scuola di Perfezionamento per Artisti Lirici del teatro alla Scala” sotto la guida dei maestri Edoardo Muller, Giulietta Simionato e Gina Cigna.
In questo periodo è stato finalista e vincitore di numerosi concorsi internazionali tra cui “Voci Verdiane” a Busseto, “Maria Callas” indetto dalla RAI, “Laboratorio Lirico” di Alessandria e “Achille Peri” a Reggio Emilia.
Nel 1984 ha affrontato il ruolo di Eisenstein nel Pipistrello al Teatro La Fenice di Venezia dove è tornato, in seguito al grande successo, in numerose altre produzioni: Da una casa di morti (Siskov), La Bohéme (Marcello), Crispino e la Comare (Fabrizio), Le convenienze e inconvenienze teatrali (Prospero e Procolo), La finta pazza di Sacrati, Beatrice di Tenda (Filippo), La vedova allegra (Danilo) e i Carmina Burana (con la realizzazione del CD in favore della ricostruzione del teatro).
Spaziando dal repertorio classico-operistico a quello operettistico e moderno, passando con elasticità dai ruoli buffi a quelli drammatici, grazie anche alle spiccate doti di cantante-attore che lo caratterizzano, Armando Ariostini è stato invitato in importanti teatri e festivals del mondo lavorando con direttori, registi e cantanti di fama internazionale: al Teatro alla Scala (Carmen in occasione dell’inugurazione della stagione 1984/85) con la direzione di Claudio Abbado e la regia di Piero Faggioni, Viaggio a Reims ancora con Claudio Abbado e la regia di Luca Ronconi, La caduta di casa Usher, Pollicino, Les Noces ed infine protagonista ne L’occasione fa il ladro con la direzione di Daniele Gatti e la regia di Ponnell), a Buenos Aires, allo Staatsoper e alla Bayerischer Rudfunk di Monaco, a Bordeaux, ad Avignone e a Genova, nel ruolo di Figaro del Barbiere di Siviglia (“il Figaro di Ariostini brilla al punto di far diventare secondi tutti i Figaro del mondo”- Suddeutsche Zeitung), a Santiago del Cile in Manon Lescaut e Faust, all’Opernhaus di Zurigo in Bohéme, Elisir d’amore, ed accanto alla Gruberova in Linda di Chamounix.
Tra i circa 85 ruoli interpretati, possiamo annoverare alcune opere eseguite in prima mondiale quali: Il Viaggio a Reims di Fabio Vacchi, La brocca rotta di Flavio Testi, Il gatto con gli stivali di arco Tutino e The banquet di Marcello Panni.
A Montecarlo per il Gran Galà del Principe Ranieri ha cantato con Katia Ricciarelli nel Segreto di Susanna e successivamente è stato ospite d’onore accanto a Placido Domingo.
Tra gli ultimi importanti impegni ricordiamo: Cenerentola (Dandini) a San Paolo del Brasile, Pagliacci a Baltimora e Catania, Carmina Burana a Verona e Santa Cecilia, Fedora (De Ciriex) con Daniela Dessy e Placido Domingo all’Opera di Roma, Turandot (Ping) nell’importante produzione di Hugo de Ana al Festival di Cesarea in Israele, produzione che si ripeterà al National Theatre di Tokyo e Baltimora.
Numerose sono le sue incisioni discografiche.
E’ recente la sua partecipazione in qualità di cantante-attore (nella parte di Scarpia) nel film “Tosca e le altre due”, al fianco di Franca Valeri e Adriana Asti.

Ottobre 2010

 
 
 
In scena
Primo Concerto FilarmonicoVenerdì 31 Ottobre
alle ore 20:30
in Teatro Filarmonico
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona