Flavio Arbetti 

Scenografo

Flavio Arbetti, scenografo veronese, ha esordito nel 1987 collaborando alla realizzazione dell’opera Aida di Verdi a Luxor, con la regia di Renzo Giacchieri.

In seguito ha curato l’allestimento del Trovatore di Verdi per il Festival dell’Opera di Lubiana, in Slovenia. Nel 1997 ha realizzato l’allestimento ed i costumi per un’importante esposizione d’opere liriche per il Museo Nazionale di Otaru in Giappone.

Ha firmato le scene di numerosi allestimenti lirici fra i quali ricordiamo: Amelia di Ivan Zajc, che ha inaugurato la stagione al Teatro Nazionale dell’Opera di Rijeka in Croazia nel 2000 ed è stata ripresa dalla televisione nazionale; Esmeralda, spettacolo di balletto del 2002 ispirato al romanzo Notre-dame de Paris di Victor Hugo su musica di Cesare Pugni al Teatro Nazionale dell’Opera di Rijeka; La Notte di un nevrastenico di Nino Rota per il Teatro Greco di Lecce nel 2007, ripresa dalla Rai per la trasmissione Prima della Prima.

Nel 2007 ha collaborato come assistente dello scenografo Angelo Sala, direttore dei laboratori del Teatro alla Scala di Milano. Tra gli allestimenti che ha realizzato vogliamo citare: Aida di Verdi per il Festival dell’Opera di Avanches (con scenografie ideate da Angelo Sala) Cavalleria rusticana di Mascagni per il Festival Lirico nell’anfiteatro di Pedrara a Catania; Tosca di Puccini al Teatro Metropolitan di Catania, e Traviata di Verdi al Teatro D’Annunzio di Pescara.

Recentemente ha firmato le scene di Un Ballo in maschera di Verdi, con la regia di Pier Paolo Pacini, opera che ha inaugurato la stagione 2010 al Teatro Verdi di Salerno, e del balletto Il Corsaro andato in scena al Teatro Filarmonico di Verona.

21 aprile 2011

 
 
 
In scena
Terzo Concerto RistoriDomenica 23 Novembre
alle ore 17:00
in Teatro Ristori
Clicca qui 
 
 
^Top
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona