José Cura 
TENORE 
José Cura, argentino di Rosario (Santa Fe), è considerato uno dei più importanti artisti di oggi. A soli 15 anni debutta come direttore di coro; studia inoltre composizione e pianoforte. Nel ’91 lascia l’Argentina per l’Europa e nel ’92 debutta a Verona in un’opera teatrale: Pollicino di Henze.

Canta successivamente a Genova in Carmen e Simon Boccanegra; si esibisce inoltre nelle Villi e nella Rondine di Puccini. Nel settembre 1994 debutta negli Stati Uniti, a Chicago, in Fedora. Dopo un concerto di gala al Teatro Colón di Buenos Aires torna in Italia per interpretare Paolo il Bello nella Francesca da Rimini di Zandonai e Fedora a Trieste.
Nel giugno ’95 è a Londra per debuttare in Stiffelio nel ruolo del titolo durante un Festival Verdiano alla Royal Opera House Covent Garden.
Canta nell’Otello di Verdi a Torino nel maggio ’97 con la Filarmonica di Berlino diretta da Claudio Abbado riscuotendo grande successo.
Debutta alla Scala di Milano nella Gioconda di Ponchielli e vi torna nel ’98 per Manon Lescaut e nel ’99 per La Forza del destino, diretto da Riccardo Muti. Sempre nel ’99 viene insignito del titolo di professore “honoris causae” all’Università di Buenos Aires e si esibisce in Cavalleria rusticana e Pagliacci con Placido Domingo e in Otello al Teatro Reál di Madrid. Nel 2000 viene invitato a cantare in Otello a Washington e interpreta il ruolo di Alfredo nella Traviata a Parigi.

Nel 2003 è protagonista in Arena con ben tre titoli: Turandot (Calaf), Carmen (Don José) e La Traviata (Alfredo), mentre nel 2005 ha interpretato il ruolo di Calaf in Turandot.
Nell'estate areniana 2006 interpreta Canio in Pagliacci
 
 
In scena
TurandotSabato 26 Luglio
alle ore 21:00
in Arena
Clicca qui 
 
 
^Top
Call Center
SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIALI
FacebookYou TubeTwitterPinterestPinterestFoursquareArena di Verona
Major Partner
Unicredit
Automotive Partner
VOLKSWAGEN
Official Sponsor
Intimissimi
Mobility Partner
Megliointreno
Official Partner